GiratempoWeb Community

Parla, condividi la tua passione e connettiti con
una grande community potteriana.

  • Cronache della Giratempo – Ancora Da Definire

    Posted by Anonymous on Gennaio 20, 2013 at 12:20 am
    ATTENZIONE!
    Sventurato lettore, prima di leggere questi racconti sappi che questo tipo di racconto ha già provocato dipendenza,
    i sintomi sono angoscia, ansia da attesa del nuovo capitolo, istinti omicidi verso l’autrice e tanto altro ancora.
    Sei sicuro di voler continuare?
    Twisted Evil

    A Benny, alle sue pazze idee
    Che sono il mio paracadute

    Ad Ale che se n’è innamorata a prima vista
    E aspetta sempre come un’innamorata fedele

    Capitolo 1

    Lean on me

    When you’re not strong

    And I’ll be your friend

    I’ll help you carry on

    Bill Withers

    Ale

    -Milla, aspetta!- dissi scendendo dal treno e cercando di
    non far cadere il mio baule.

    -Andiamo, muoviti Ale!- strillò allegra la Serpeverde,
    felice di rivedere le famigliari vette del castello, lontano dalla stazione.

    -Sicuro, ma non vorrei trovare pappette dei miei libri e
    delle mie pozioni nel mio baule, sta calma e aiutami!- brontolai, non condividendo
    tutto l’entusiasmo della mia amica.

    Milla non se la prese molto ma scoppiò a ridere. –Perché
    non lo fai levitare e basta?-

    -Perché ho circa una mezza dozzina di bagagli, ecco
    perché!-

    Ed era vero. In tutto il treno, ero di certo la persona con più bagagli: il
    calderone, il baule dei vestiti, il baule dei libri, i “bauletti” con i trucchi
    e gli accessori. Ma non era niente: in parte era tutto frutto della politica di
    mia madre “non si sa mai”, che mi faceva partire con provviste e bagagli degni
    di un giro intorno al globo, passando per tutte le zone climatiche.

    -Andiamo Ale, faremo in modo che ci pensi qualcuno, siamo
    tornate, siamo di nuovo a casa!!- disse Milla prendendomi per mano e
    improvvisando una danza, nonostante la neve ci impedisse molti movimenti,
    ridendo come matte.

    Mery

    Mi guardai intorno sbuffando, controllando chiunque fosse
    lì intorno. La mia fraté non si vedeva in giro e questo mi metteva leggermente
    in allarme.

    Cominciai a cercare per tutti i vagoni, chiamando il nome
    della mia fraté, chiedendo a chiunque incontrassi e facendomi offrire qualche
    dolcetto, ma niente di niente.

    Stava già per dichiararla dispersa (ed ereditare le sue scorte
    di rhum), quando la trovai in bagno a fumare erba elfica.

    -Frate! Ti nascondi qui e non mi dici niente! Da un po’ di
    erba elfica anche a me!- si lamentò Mery, felice di aver ritrovato Charlie, ma
    indispettita per le scorte di rhum sfumate.

    -Ma ti pare?- disse quell’ingrata di frate, alzandosi e
    abbracciandomi, scambiandomi per un materasso.

    Accidenti, pensai in quel momento. E adesso come faccio a
    portarla fino a scuola?

    E mentre pensavo ad una soluzione mi fumai un po’ dell’erba
    elfica di fratè, chiedendomi cosa fosse meglio fare, mi ritrovai già sulla
    strada per Hogwarts e da lì arrivai ai Dormitori.

    -Tonnata, ma che hai fatto a Charlie?- disse Stella, la
    nostra compagna di Dormitorio, preoccupandosi alla vista di Charlie svenuta.

    -Io non ho fatto niente, si è fatta tutta da sola- mi
    difesi un po’ indispettita, non era da Stella sospettare così di noi. Posai
    Charlie sul letto e mi diressi verso la porta.

    -Ma… Mery! Aspetta! E Charlie?- chiese Stella ancora
    perplessa, volgendo lo sguardo,ora a me ora alla mia frate che aveva già
    cominciato a russare.

    -Una bella dormita e non le succederà niente, cosa vuoi
    che sia, è solo un po’ di erba elfica! Se qualcuno ti chiede che è successo, tu
    dì che è solo stanca per uno scherzo fatto a Benny… Io vado a festeggiare la
    fine delle vacanze natalizie con un bel bicchiere di rhum… gentilmente offerto
    da fratè!-

    E così dicendo me ne andai, ridendo allegramente.

    -Fa pure, ma io voglio una bottiglia!- mi arrivò la voce
    di Stella, ma decisi di far finta di non aver sentito. Una cosa ero io che
    bevevo dalle riserve personali di frate, un’altra cosa era un’altra persona che
    faceva la stessa cosa!

    è un mini ini capitolo, spero vi piaccia, è qualcosa di… strano
    Siate così gentili da dare un pò di indicazioni a questa testa bacata, non solo grazie al sondaggio… ciaooo!!!

    Anonymous ha risposto 10 anni, 10 mesi fa 0 Mago · 0 Risposte
  • 0 Risposte

    Ancora nessuna risposta. Inizi tu?

    Log in to reply.

    Ti sei perso?

    Forse ti occorre una mappa!



    Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
    Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.