GiratempoWeb Community

Parla, condividi la tua passione e connettiti con
una grande community potteriana.

  • “Il richiamo del cuculo” di Robert Galbraith

    Posted by Anonymous on Novembre 21, 2013 at 4:32 pm
    Cormoran Strike indaga sulla misteriosa morte della modella Lula Landry, caduta dal balcone di casa in una gelida notte londinese. La polizia ha già archiviato il caso come suicidio, ma è davvero così? Cosa c’è di vero nella testimonianza della vicina di casa? Quali segreti nascondono i familiari e gli amici della bella ragazza? Il geniale detective, coadiuvato dalla brillante Robin, arriva ad una spiazzante conclusione. 

    Primo episodio di una (speriamo) lunga serie, conferma lo straordinario talento narrativo di J.K. Rowling. Firmato da “R. Galbraith”, dimostra sin dalle prime pagine lo stile della nostra amata autrice. L’attenzione ai dettagli e la caratterizzazione dei personaggi è perfetta, caratteristiche fondamentali nel genere giallo. Il lettore può seguire passo passo le indagini di Strike e giungere alla soluzione insieme a lui, ricostruendo l’ultima giornata della povera vittima e la sua travagliata storia personale. 

    Cosa ne pensate? 

    Personalmente mi è piaciuto moltissimo, sarà che amo sia il genere sia l’autrice, ma è davvero spettacolare. In più penso che gli indizi siano seminati talmente bene da consentire a chi legge attentamente di avvicinarsi alla soluzione del delitto, cosa che lo rende mille volte più interessante di altre trame dove il finale sembra piovere dal cielo. Tutto è perfettamente sensato, trame e sottotrame intrecciate alla perfezione, personaggi descritti come solo lei sa fare. Cormoran e Robin sono una bella squadra, un po’ squattrinata, ma decisamente intraprendente. L’assassino…dico solo questo…davvero diabolico.

    Anonymous ha risposto 9 anni fa 0 Mago · 0 Risposte
  • 0 Risposte

Ancora nessuna risposta. Inizi tu?

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.