GiratempoWeb Community

Parla, condividi la tua passione e connettiti con
una grande community potteriana.

  • La storia in tre parole xD

    Posted by Anonymous on Settembre 13, 2011 at 12:30 pm

    Non so se vi ricordate questo bellissimo giochino… Very Happy
    Si comincia con…

    C’era una volta…

    (Per non fare un pastrocchio di storia come quella nel vecchio forum, propongo di postare tutti i messaggi di una pagina all’inizio di quella successiva, e così via… xD)

    Ecco qua, la Storia! (Che non ha, come al solito, nè capo nè coda xD)

    C’era una volta… un bruttissimo bambino la cui sfortuna proveniva da un amuleto vecchio,  e un insolito bambino gli dava fastidio perchè pensava che dal viso sottile si poteva dedurre la sua paura per ogni cosa di colore giallo! E quindi lui decise che avrebbe comprato una pratica per farsi passare la paura delle cose giallo limone e che lo spaventavano molto. E da quel giorno non trovò la buccia di limone che per tanto tempo aveva temuto e che doveva usare per verificare la sensibilità della gente che lo vedeva tanto spesso e allora fece una piccola modifica di un piccolo ma grande dettaglio, e si trattava del suo cappello, a forma di rana che gracida, e lui si vergognava di averla sempre in testa; ma un giorno decise di toglierla e facendolo non avrebbe mai pensato cosa sarebbe successo. Nell’esatto istante in cui avrebbe dovuto pronunciare la formula che impediva al cappello di gracidare e di catturare mosche ogni volta che si faceva una passeggiata in riva al fiume quando la ragazza che gli piaceva tanto passava da quella parte che avevano portato molti maghi e molte streghe che erano stati presi dall’inestinguibile desiderio di mangiare tutto quello che voleva il piccolo bambino che Harry Potter aveva visto da piccolo e che portava un cappello a forma di rana gracidante . Lui era contento per il regalo così così iniziò a ingrandirsi fino a diventare un pallone che improvvisamente scoppiò!! Ad un certo punto però una bacchetta volò dritta verso di lui e lo prese in pieno e e cadde a terra così lui si rialzò ma gli capitò di inciampare su un Grande sasso che sbucava dal terreno e che gli ruppe il dito così lui non poté più giocare e si mise a correre verso qualcosa che gli avrebbe permesso di poter saltare e raggiungere un altro mago per farlo alzare oltre la siepe di spine che ora gli aveva bucato un palloncino che aveva gonfiato quando era più piccolo ma non se lo ricordava dato che Dopo lei aveva fatto qualcosa di assolutamente incredibile, infatti aveva mangiato un grosso oggetto viola dal sapore schifoso che sembrava essere a prima vista una mora succosa ma in realtà si rivelò essere con grande stupore un incredibile oggetto che era capace di rendere magico il mondo intero con un solo Utilizzo, infatti era molto grande, perché nessuno osava neanche toccare la mora Dato che aveva un aspetto minaccioso Quindi la mora decise di assumere il controllo del pensiero, sugli altri Con un potente incantesimo che si scontrò contro un grande albero che dentro un grande Doni della morte. precisamente la pietra

    – a questo punto la storia è diventata un vero delirio, ed è stata ricominciata! :uhuh: Ecco la nuova storia:

    Questa storia parla di due persone che avevano un segreto da proteggere però non sapevano che in realtà erano stati selezionati per una nuova setta segreta per eliminare uno dei tributi che aveva osato rubare loro una invenzione che doveva ancora essere brevettata ma il problema era che non avevano delle cose molto importanti per poter vincere la più importante gara di sputi! Che però avrebbero sicuramente perso se Uno di loro non avesse partecipato. C’era una sola soluzione: ovvero quella di ricorrere i tributi vincenti della prima edizione di “Sputa il rospo Se sei un tributo”! Non rimaneva altro da fare, se non iniziare a parlare Con loro per capire le tecniche Segrete per poter finalmente trovare il modo di eliminare per sempre quel bruttissimo pensiero che poteva inevitabilmente rovinare tutto il giorno di festa per la ricorrenza della magica notte di Capitan Uncino il bel pirata venuto dalla leggendaria isola di Neverland con l'intento di usare il suo magico potere della Bacchetta di Sambuco uniti allo straordinario Harry Potter che fingerà di non essere morto e si sgranchì le ossa senza pensare a i pericoli che avrebbe potuto correre facendo quella determinata strada spettrale della periferia di Hogwarts nella quale vi si potevano trovare diversi generi di pericolose creature magiche che avevano un alito mostruoso che si divertiva a far svenire tutti e così decisero sterminarle tutte ma furono assaliti da un gigante che non vedeva i peli sulla schiena ma si sentiva i piedi gonfi e quindi decise andare al potteraduno dove incontrò un branco di matti che avevano un Silente nella gabbia che continua a emettere strani peti ed ad urlare di finire un esame di aritmanzia che era molto interessante ma difficile nonostante questo, decise ugualmente di studiare e di non di andare a fare i bisogni dove c'era il gatto che dormiva che uccideva quelli che si intrattenevano dopo le lezioni e non facevano i compiti per eccesso di pigrizia che avevano avuto durante un nuovo episodio contro chi non voleva assolutamente sfidare perché aveva un unico e solo amico vero che gli doveva dare una cosa per cui era molto affezionato allora decise che doveva distruggere il mago altrimenti ci sarebbe stata una grande sfida di magia che si è rotta ad un certo punto. Così arrivò il lupo che voleva fare un attacco a sorpresa senza però nuocere troppo a dei ragazzi che erano li a studiare una strategia per far si che i giochi non fossero diretti nella stessa identica direzione nella quale erano diretti i soliti uomini che avrebbero dovuto scontrarsi con degli animali che avrebbero potuto uccidere e squartare ogni persona sotto la grande cornucopia che era posizionata proprio al centro di un enorme piazza circolare con degli spazi che servivano a far allenare i vari tributi in gara ma ad un tratto un tributo decise di fare una cosa che non sembrava affatto consona a quel determinato luogo, infatti prese un tutù per schiaffarlo in vita a un tributo che passava di lì per caso e voleva semplicemente uccidere un po' di persone per fare in modo che la gente intorno non sospettasse di aver creato un mostro che avrebbe distrutto ogni forma vivente esistente all'interno della intera composizione dei tributi. Così ci fu una carneficina che risultò molto cruenta e terribile ma nonostante ciò alcuni altri tributi riuscirono a trovare la chiave per aprire una grande riserva naturale di montagna per proteggere alcuni strani esseri viaggiavano molto impauriti nelle vicinanze di un grande platano che alla loro mano aveva fatto un graffio profondo nel braccio di una certa babbana di nome Petunia che non era una vera e simpaticona, anzi a Harry Potter aveva fatto dei grandi torti. Infatti il giorno in cui Harry aveva imparato a fare delle prime semplici lettere Petunia gli aveva detto che sarebbe stato molto meglio se avesse impiegato le sue forze ad occuparsi di qualcosa di più adatto al suo livello. infatti la megera non faceva altro che criticare e continuare ad insistere sul fatto che non avrebbe mai potuto diventare un bravo mago, perché i suoi genitori erano sempre stati delle persone assolutamente severe e amorevoli ma soprattutto troppo alte e bionde per poterlo crescere nella mia stanza perché ci sono momenti in cui cadi nel vuoto e che non capisci cosa provi perché le tue emozioni sono la causa di tutte le sofferenze degli altri, così ti senti uno yaoi e ti senti anche…

    Anonymous ha risposto 11 anni, 4 mesi fa 0 Mago · 0 Risposte
  • 0 Risposte

Ancora nessuna risposta. Inizi tu?

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.