GiratempoWeb Community

Parla, condividi la tua passione e connettiti con
una grande community potteriana.

  • L’angolo della Letteratura

    Posted by Anonymous on Giugno 7, 2012 at 12:48 pm
    “La più nobile specie di bellezza è quella che non trascina a un tratto, che non scatena assalti tempestosi e inebrianti (una tale bellezza suscita facilmente nausea), ma che si insinua lentamente, che quasi inavvertitamente si porta via con sé e che un giorno ci si ritrova davanti in sogno, ma che alla fine, dopo aver a lungo con modestia giaciuto nel nostro cuore, si impossessa completamente di noi e ci riempie gli occhi di lacrime e il cuore di nostalgia.”

    Nietzsche, Friedrich

    Questo luogo è dedicato a quelli che, come me, hanno trovato nell’arte dello scrivere una fonte d’ispirazione.
    Ma anche soltanto a quelli che, leggendo qualche riga, hanno provato emozioni che credono sia giusto condividere.
    O a quelli che, infine, in una combinazione di parole hanno trovato il codice per la Bellezza.

    E siccome questo caldo mi opprime, penso sia giusto cominciare con la mia stagione preferita,
    l’attesa e la speranza, che sono i suoi significati più belli.

    Singolarmente sospinto ad amare
    le cose amabili ma non amate,
    di tutte le stagioni
    amo l’inverno soprattutto;
    quella fosca nube che ravvolge il mondo
    men somiglia a gelo o a tenebra
    che a calore ed a luce addormentati,
    e sembra rivestire respirando
    la messe che, infante, lievemente
    sotto il piumino di neve respira.

    Non v’è cosa nei campi o nei giardini
    che non contenga, a guardarla, serena
    la sostanza di cose che si sperano
    in primavera, e la testimonianza
    dell’estate invisibile.

    Il caprifoglio, nella brama ardente
    della dolcezza della vita, sdegna
    ogni ostacol del gelo e del nevischio,
    sfugge alla legge del tempo, e gemmare
    fa, silenziosamente, foglia nuova,
    ed un piccolo ramo vagabondo.

    Spesso, protetta tra le macchie, come un
    distolto dal sonno alla prim’ora,
    la primula o la mammola, smarrita,
    si sveglia e crede che sia tempo ormai
    di rifiorire.

    Coventry Patmore, “Amo l’inverno”.

    Anonymous ha risposto 10 anni, 7 mesi fa 0 Mago · 0 Risposte
  • 0 Risposte

Ancora nessuna risposta. Inizi tu?

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.