GiratempoWeb Community

Parla, condividi la tua passione e connettiti con
una grande community potteriana.

  • Ora va’ e non tornare

    Posted by Anonymous on Agosto 8, 2012 at 8:50 pm
    I pensieri di Kallisto quando lascia il suo amato Skan con i ribelli, sperando in cuor suo di non vederlo più senza volerlo veramente. Questa storia si colloca prima della fine del film in cui la protagonista è triste per il fatto di non poter nemmeno toccare l’uomo che ama, cosa che si risolverà poi alla fine; la frase iniziale è tratta dal film, ovviamente, mentre la lyric faceva parte del contest.
    Questa fanfiction si è classificata sesta allo ‘Sfigafandom Contest’ indetto da FataFaby89 sul forum di EFP, vincendo inoltre il premio ‘SfigaFan!’

    …abbiamo fatto un bel sogno Skan, solo un bel sogno…

    Il nostro è stato uno degli incontri più strani. Sentivo i tuoi passi, sapevo che la morte era vicina, ma invece di uccidermi mi sei rimasto accanto. E quando l’altro Pyross ci ha trovati insieme, in quel momento ho avuto veramente paura.
    Ho pregato che potessi sfuggirgli, che potessi salvarmi come prima mi avevi risparmiato la vita. Invece lui è tornato con te svenuto, ci ha legati insieme e ha messo la sua perla di plasma sul mio cuore. Le sue parole ferivano le mie orecchie. Era davvero la fine.
    Ma tu, ancora una volta, ci hai salvato entrambi. E per proteggermi mi hai portata via, in modo un po’ rude forse, ma ha sortito il suo effetto. E quella è stata una delle poche volte in cui abbiamo potuto toccarci.
    E’ stato strano essere sveglia nella stagione secca. E’ stato strano essere lontana dalla mia famiglia. E’ stato strano trascorrere il tempo con un Pyross. E col ritorno della stagione verde ho temuto di perderti. Dovevo solo assicurarmi che la mia famiglia stesse bene, poi sono tornata a prenderti prima che fosse troppo tardi.
    Ed era bello averti in casa mia, ma il desiderio di te, sempre crescente nel mio cuore, non poteva essere appagato. Come si può amare qualcuno senza nemmeno potersi toccare? Magari c’è chi si accontenta solo di avere accanto la persona che ama. Ma quando ci si rende conto che non puoi fare a meno di una carezza, solo allora ti rendi conto di quanto il destino sia crudele.
    E’ questo che rimpiango ora, rimpiango la stagione secca in cui sono una statua, l’unico modo in cui mi potrai abbracciare, rimpiango di non averti dimenticato appena ritornata a casa, rimpiango di non essere morta allora insieme a te, perchè in questo modo sto morendo ogni giorno sempre di più.
    Ti devo dimenticare, anche se non so come. Ti devo lasciare andare.
    Ha ragione mio padre, io sono una Hydross, non potrò mai vivere come un Pyross, non potremo mai stare insieme. E le leggende che narra mio padre sono la prova che tutto questo è vero.
    Ora va’, recati dai ribelli, tra di loro sarai tra la tua gente. Tu vivrai la tua vita, io vivrò la mia. Lontani potremo essere felici solo se dimentichiamo quello che c’è stato tra noi, vicini non saremo mai felici.
    Ora va’ e non tornare. Addio Skan, ti terrò sempre in una parte speciale del mio cuore. E ti sognerò accanto a me in un modo che nella vita non potrà mai esistere.
    Di giorno mi pento d’averti incontrato; la notte ti vengo a cercare
    [Luigi Tenco – Mi sono innamorato di te]

    Anonymous ha risposto 10 anni, 6 mesi fa 0 Mago · 0 Risposte
  • 0 Risposte

Ancora nessuna risposta. Inizi tu?

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.