J.K. Rowling dice «no» al referendum per l’indipendenza della Scozia

rowling-jkJ.K. Rowling – autrice della saga di Harry Potter – vive a Edimburgo, e ha deciso di non appoggiare il fronte che chiede l’indipendenza della Scozia dall’Inghilterra. La mossa della scrittrice britannica è netta e chiara: la Rowling, infatti, ha deciso di donare un milione di sterline (oltre 1,250 milioni di euro) al fronte anti indipendentista con la campagna “Better togheter”.

Attraverso il suo sito web la Rowling ha spiegato che la sua «esitazione» nell’abbracciare la causa dell’indipendenza scozzese «non ha nulla a che fare con la mancanza di fede nello straordinario popolo scozzese». La «semplice verità», ha argomentato la scrittrice, è che «la Scozia, come il resto del mondo, è soggetta alle stesse pressioni del 21esimo secolo». Per questo, a suo giudizio, una Scozia ancora parte del Regno Unito sarebbe in grado di fronteggiare meglio le sfide della globalizzazione.

Il referendum sul distacco da Londra è fissato per il prossimo 18 settembre.

Fonte: Corriere.it

Ti potrebbe interessare anche...

J.K. Rowling: “C’è una scintilla di bontà in Draco Malfoy”

Come era stato preannunciato, la Rowling ci ha fatto un altro regalo di Natale, pubblicando su Pottermore un lungo testo dedicato a Draco Malfoy, corredato da alcuni suoi pensieri a riguardo. Il testo è molto interessante, perché raccontandoci tutta la storia di Draco, scopriamo ancora una volta quanto la Rowling abbiamo definito fin dei minimi particolari i risvolti caratteriali dei suoi personaggi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Concordo!
    “Better Togheter is the best way!”
    Spero veramente che non passi il referendum.

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.