Nomen Omen: i Malandrini

Prima del Trio e dei gemelli Weasley un altro gruppetto di avventurosi Grifondoro dava del filo da torcere a professori e custodi…sto parlando dei quattro Malandrini (Marauders nell’originale), autori della celebre e geniale Mappa del Malandrino. I quattro conoscevano palmo a palmo ogni corridoio e passaggio segreto della scuola, compreso quello che conduceva alla Stamberga Strillante e al Platano Picchiatore. Oltre alla voglia di divertirsi erano legati da una grande e sincera amicizia (tranne l’eccezione che ben conosciamo).

Malandrini

Sirius “Padfoot” Black (Felpato)
Unico Black smistato a Grifondoro, porta il nome latino della stella Sirio. Appartenente alla costellazione del Cane Maggiore, è la stella più brillante del cielo notturno. Per essere più precisi, Sirio è formata da un sistema binario comprendente Sirio “A” e…Sirio B! Nel suo caso il cognome Black non farebbe riferimento alle arti oscure, bensì al suo Animagus, un grosso cane nero, animale simbolo di fedeltà. Insomma tutto concorda con una precisione e una poesia davvero notevole!
Il soprannome fa riferimento alle zampette pelose del cane.

James “Prongs” Potter (Ramoso)
James Potter, di cui abbiamo più volte parlato, ha come Animagus il cervo, simbolo di coraggio e regalità. James era il leader del gruppo e il cercatore nella squadra di Quidditch di Grifondoro.
Il soprannome fa riferimento alle corna ramificate del bellissimo animale in cui si trasforma.

Remus “Loony” Lupin (Lunastorta)
Il buon Remus porta il nome latino di Remo, noto per essere stato cresciuto da una lupa assieme al fratello Romolo. Lupin, considerandone l’assonanza con l’aggettivo “lupine” (lupesco) ed associandolo all’anagramma del nome completo “primus lune” ossia “luna piena”, indica la natura segreta del giovane. È il più tranquillo e saggio dei quattro ed è l’unico a non essere un vero e proprio Animagus. Spesso isolato dal resto del mondo e in conflitto con se stesso, trova in Silente e nei tre compagni i migliori alleati per vivere una vita normale.
Il soprannome fa riferimento alla luna, che determina il suo mutamento una volta al mese.

Peter “Wormtail” Pettigrew (Codaliscia)
Peter deriva dal greco “roccia”, che in questo specifico caso potremmo intendere come “arido di buoni sentimenti”. Pettigrew è invece un cognome dall’origine incerta, ma potremmo ipotizzare un gioco di parole tra “pet” (animale domestico) e “grew” (cresciuto, vissuto). Per molti anni è vissuto in casa Weasley sotto le mentite spoglie del “povero” topo Crosta. È l’unico Grifondoro ad essere diventato Mangiamorte ed è il vero traditore dei Potter. La traduzione italiana Minus fa riferimento alle piccole dimensioni del suo Animagus.
Il soprannome fa riferimento alla coda del topo, animale considerato sporco e impuro sin dalle pestilenze medievali.

Ti potrebbe interessare anche...

J.K. Rowling: “C’è una scintilla di bontà in Draco Malfoy”

Come era stato preannunciato, la Rowling ci ha fatto un altro regalo di Natale, pubblicando su Pottermore un lungo testo dedicato a Draco Malfoy, corredato da alcuni suoi pensieri a riguardo. Il testo è molto interessante, perché raccontandoci tutta la storia di Draco, scopriamo ancora una volta quanto la Rowling abbiamo definito fin dei minimi particolari i risvolti caratteriali dei suoi personaggi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.