Harry e Hermione

Emma e Daniel parlano della loro esperienza in Harry Potter

Il sito Internet the Stacks ha recentemente pubblicato un’intervista esclusiva a Daniel Radcliffe e ad Emma Watson sulla loro esperienza come attori nella Saga di Harry Potter e sul loro percorso di crescita che è stato fino ad ora accompagnato dalla produzione dei Film.

I miei amici hanno soprannominato il settimo libro: Harry Potter e il lungo viaggio, a causa del ritmo irregolare della trama specialmente all’inizio. Cosa pensi della decisione di dividere il libro in due film?
Hai ragione, la prima parte è molto diversa dalla seconda. La prima è una esplorazione dei caratteri dei personaggi e di come questi reagiscano tra loro. Si trovano infatti in un ambiente totalmente diverso. Quando Jo stava scrivendo il settimo libro, mi aveva detto: “Sto scrivendo i Doni della Morte e al momento è come un road trip molto strano” ed è così che è stato girato. La seconda parte, invece, inizia come un film poliziesco e poi si trasforma in un film di guerra. La presenza di molte diverse fasi nel libro renderà, penso, effettivamente il film emozionante e diverso dagli altri. (Daniel)

Nei Doni della Morte, cosa significa essere in fuga per l’amicizia tra Harry, Ron e Hermione? E’ servita l’esperienza della tua vita per recitare?
Penso assolutamente che la pressisone della fuga, la paura e l’ansia dei tre abbia un effetto sulla loro amicizia. Ron diventa particolarmente irritabile e finisce per avere un litigio con Harry, così Hermione cerca di mantenere la calma nel gruppo. Hermione è quindi abbastanza cruciale in tutto questo.
Sì, io uso la mia esperienza di vita con gli amici nella mia recitazione. Assolutamente. Quando sto recitando con Harry, faccio sempre finta che sia mio fratello Alex, che ha 17 anni, perché mi sento come Hermione con lui, avendo quel tipo di rapporto fraterno o materno che ha con Harry. (Emma)

Ci sono momenti imbarazzanti sul set che vuoi condividere?
Ho dovuto baciare quelli che sento come i miei due fratelli. Voglio dire, non è stato molto bello. Potrei quindi contarlo come imbarazzante. Nessuno di loro bacia male. Non è questo il punto, ma sicuramente è stato piuttosto imbarazzante. (Emma)

Descrivi il viaggio emotivo di Harry in questo film, e anche il tuo viaggio emozionale in considerazione del fatto che si tratta di della conclusione della saga?
Silente lascia ad Harry questa missione e quasi alcuna informazione, ad eccezione di tre lasciti piuttosto criptici nel suo testamento per Harry, Ron e Hermione, che non hanno alcun senso, all’inizio, ma che, man mano si evolve la trama, acquistano sempre più importanza. E sente, Harry, tutte queste cose su Silente costantemente, robe che non sapeva, che lo portano a dubitare dell’integrita dell’uomo, cosa che non aveva mai messo in discussione prima; ed è sempre pericoloso fare raffronti religiosi, ma è una specie di prova di fede e di quanto lontano Harry si possa spingere prima di arrendersi. In ultima analisi, ogni volta che Harry si trova in quel momento buio, dove pensa che sia una ricerca inutile e sconclusionata, succede qualcosa che gli permette di continuare. Ron e Hermione si accorgono che Harry non ha idea di cosa fare. Egli non ha un piano e comincia a perdere la fiducia in se stesso, comincia a diventare più paranoico e isolato e suppongo più arrabbiato e disperato. Quanto alle mie emozioni personali, è stato un film molto, molto lungo. E’ stato però molto emozionante. A volte molto duro, ma è per questo che lo facciamo e per questo ci piace. Non ho avuto nessuna delle emozioni più traumatico che ha avuto Harry, ma ovviamente è stato molto, molto esaltante. Abbiamo tutti pianto molto. E da allora, diventato tutto molto strano. Il primo mese lontano è stato particolare, ma per fortuna, ci sono state molte occasioni in cui ho visto gente che ha lavorato al film. Ricorderò queste persone per il resto della mia vita, non importa dove vado e cosa succede. Quindi, sì, vi è una certa tristezza nel lasciare, ma adesso sono arrivato al punto in cui sono emozionato per il mio futuro e anche molto felice di vedere il film. Sai, il viaggio non è ancora finito, nel senso che le persone devono ancora vedere questi filmati e esporre le proprie opinioni e io sono felice di vedere che cosa pensa la gente. (Daniel)

Cosa ti passava per la mente l’ultimo giorno di riprese?
“Oh santo cielo. Non posso credere che sia così. Non posso credere che questo giorno sia finalmente arrivato.” Ho pensato che non finisse mai, lo sai? Ho pensato che non sarebbe mai finita. Mi sembrava davvero incredibile, così mi sono dovuta dare un pizzicotto. E’ stato abbastanza strano. (Emma)

In tutti i film, ci sono state alcune sequenze d’azione stupefacenti. Qual è stata la più spaventosa che hai dovuto fare?
C’è una scena in cui siamo intrappolati nella Gringott e Hermione ha questa pazza idea di saltare sulla schiena di un drago. E’ su questo balcone del secondo piano e lei salta giù sul drago e fare questo è stato terrificante, perché essenzialmente dovevo saltare – sotto c’era un tappeto che mi ha raccolta – ma solo fare il salto è stato abbastanza pauroso. (Emma)

Daniel, quale è stata la scena più complessa per te?
Ad essere onesto, ho completamente dimenticato un sacco di scene perché il film è qualcosa che dura 18 mesi, e se c’è qualcosa nel trailer, dall’inizio delle riprese è come “Oh mio Dio. Devo avevo totalmente dimenticato la scena.” Suppongo che essere picchiati da Ralph Fiennes, che interpreta Voldemort, nella seconda parte sia stato fisicamente molto impegnativo. Quello che mi piace in quella scena è che è stato il momento che ho sempre voluto accadesse da anni. Ho sempre desiderato un momento in cui la magia non fosse bastata e lui cerca solo di uccidere Harry fisicamente, colpendolo. Era una scena impegnativa, ma voglio dire, c’era un sacco di altra roba intensa, ma mi è piaciuto. Io amo correre su e giù, cadere e essere colpito. Adoro tutto questo.
Nella parte prima è stata emotivamente impegnativa una scena in cui io e Rupert litighiamo e ci odiamo a vicenda, perché è molto difficile detestare Rupert Grint, anche nella recitazione. (Daniel)

Chi è il tuo personaggio preferito in questo film, oltre ad Hermione?
Adoro Bellatrix. Penso che vi piacerà Helena Bonham Carter perché lei è così spaventosa, pazza e crudele ed tutto il contrario di Hermione. (Emma)

C’è molta segretezza per quanto riguarda il vostro trucco per le versioni più vecchie di voi. Ci puoi dire come è stato vedersi più anziani?
E’ stato un processo abbastanza lungo. Penso che sia durato più di 2 ore. Ma era davvero minuzioso. Avevano come delle pellicole sottili sui nostri volti, per rendere l’effetto delle rughe. Questi sottili dettagli hanno fatto una grande differenza. Ho indossato denti finti e una parrucca, ma tutto sembrava davvero reale, quindi è stato eccezionale. (Emma)
Ovviamente, ero preoccupato per la scena dell’invecchiamento di come avremmo fatto a farlo. Ma vi dico che il trucco è fantastico. In particolare, mi dispiace dirlo, ma sono molto soddisfatto del mio. Harry ha un’età più lusinghera di quella di Ron. Appena hanno presentato Rupert con il vestito imbottito era come se fosse stato “fatto più grande”. Ci siamo divertiti molto fare quella scena e credo che sia riuscita molto bene. (Daniel)

Emma, hai detto che eri quasi esattamente come Hermione quando avevi nove anni. In che modo pensi di ssere cresciuta da allora, separatamente al personaggio?
Spero di essere un po’ meno grave di Hermione. Sono un po’ più maliziosa. (Emma)

Cosa ti ha lasciato dopo 10 anni come attore e come persona questa esperienza?
Come hai detto, 10 anni, è tutto. Non sarò mai in grado di guardare una scena in uno di questi film senza collegarlo al ricordo di quel giorno sul set o di ciò che stava accadendo nella mia vita. Esco di scena con un bagaglio di esperienza che altri attori avrebbero ucciso per avere, in termini di persone con cui ho potuto lavorare, comunicare e imparare e uno straordinario gruppo di amici che nessuno può immaginare e non sto solo parlando del cast. Così molti dei miei migliori amici sono nella squadra e queste sono persone che io ricoderò per sempre. Mi sento molto, molto fortunato. (Daniel)

Guarda indietro, cosa vorresti rifare?
Se fossi giovane abbastanza probabilmente rifarei il 1 e il 2, perchè li trovo davvero imbarazzanti da guardare. Per essere sincero non guardo mai molto indietro nei film perchè altrimenti appena seduto me ne vorrei andare, “c’è molto che vorrei cambiare di ciò che ho fatto” (Daniel)

Hai un ricordo per eccellenza dei film?
Non necessariamente è il mio preferito perchè è molto difficile scegliere, ma in un momento mi sono fermato e ho pensato, “Non importa per quanto farai l’attore,non ti capiterà mai più un occasione come questa,” quando uscivo dall’acqua nel 6 film circondato dall’ anello di fuoco. Penso per un paio di annidi aver dato per scontato di essere l’eroe di un film d’azione, poi mi sono reso conto che raramente agli attori capita una cosa del genere ed è divertente e mi manca molto. (Daniel)

Emma non ha potuto cambiare taglio di capelli per 10 anni perche Hermione li aveva lunghi, quando è finita la saga li ha tagliati cortissimi. C’è stato qualcosa che non potevi fare perchè entrava in conflitto con il tuo personaggio?
Non in particolare. Non avrei tagliato i capelli al termine della saga. Li lascio crescere e crescere, sono stato meno costretto di Emma in questo senso
Emma aveva fatto in qualche modo capire che stava per farlo, quindi non sono rimasto sorpreso come il resto del mondo, ma penso che stia benissimo. È un taglio molto Cool. Ma ad essere onesti la ragazza starebbe bene anche con una borsa di plastica in testa. Voglio dire lei è una bella ragazza qualunque taglio si faccia, sarà bellissima lo stesso. (Daniel)

Emma, hai fatto una festa per tutto il cast, puoi parlarcene?
Ho preparato cena. Avevo comprato un nuovo appartamento a Londra.Ho cercato di renderlo più carino possibile. Ho comprato tanti mazzi di fiori. Ho acceso le candele dovunque preparato cibo per tutti e tutti mangiavano con piacere . . . Ho fatto dei libricini per tutti con delle domande stupide tipo qual’è stata la tua prima cotta sul set? Il tuo ricordo più bello? Il tuo ricordo peggiore? Il tuo regista preferito? . . Allo staff è piaciuto, è stato divertente. Tutti avevano un pezzo di carta per rispondere, ma abbiamo preferito discutere e raccontarci storie a vicenda per ricordare. È stato un evento nostalgico e piacevole. Era una bella serata e c’era bel tempo, quindi si stava bene fuori, c’erano delle fotocamere usa e getta, tutti potevano usarle e scattare foto è stato divertente e agghiacciante. (Emma)
Daniel: é stato adorabile, fantastico. Emma ha cucinato ed è stata impressionante. Lei era la perfetta padrona di casa. Non avevo mai avuto una cena di questo tipo—l’idea mi spaventava e mi intimidiva, ma lei ha creato una sorta di gruppetto del cast più giovane e siamo andati tutti a casa sua ed è stato bello. Veramente carino, tanti ricordi nostalgici di quando eravamo giovani e innocenti. È stata una notte bellissima. ‘Per essere onesto con te , avessi parlato con me o con rupert, nessuno di noi sarebbe stato in grado di organizzare un party del genere, è stato molto apprezzato da tutti. (Daniel)

Avete dei souvenir presi dai set?
Certo, la mia bacchetta, la mia Giratempo, la mia divisa, questo è tutto davvero. (Emma)
Volevo davvero solo gli occhiali. Non volevo la bacchetta; di sicuro non volevo la scopa. Alla fine sono riuscito a trovare 2 paia di occhiali. Un paio—senza lenti—perche spesso gli occhiali non avevano le lenti per evitare il riflesso nella telecamera, sono quelli che usiamo di più, quindi ho tenuti questi dal 7 film, ma ne ho un altra versione con le lenti che arrivano dal primissimo film. Non sapevo che li tenessero ancora. Quindi ho un paio di occhiali del primo e uno dell’ultimo, sono molto felice di questo e li tengo in un posto d’onore. (Daniel)

Wizarding World of Harry Potter, aperto da poco e voi l’avete visitato, qual’è la cosa che vi è piaciuta di più?
The dragon challenge è sicuramente la parte migliore. Ho fatto il giro 5 volte. E’ stato meraviglioso. Pensavo mi sarebbe venuta la nausea, ma poi non sono più riuscito a smettere ed è stato stupendo. Sono andato davanti, dietro, di notte. E’ stato incredibile. I Gemelli Phelps (Fred e George) erano in un altro Drago e ci guardavamo in faccia tra sbuffi di vapore e virate all’ultimo minuto a 60 miglia orarie . E’ stato fantastico. (Daniel)
Appena sono entrata sono rimasta davvero impressionata, hanno ricostruito tutto in piccola scala, il livello dei dettagli è molto alto sembra davvero di stare ad Hogwarts. Ho amato molto il negozio di dolci perchè mi piacciono i dolci giganti, scusate le caramelle. La corsa del drago è stata emozionante— molto bella. Sono salita 4 volte di fila; è stato davvero tutto emozionante. Quando sono uscita non mi aspettavo di sentirmi così emozionata,mi ha colpito moltissimo l’ologramma di noi tre con i quali sembra di parlare davvero , è stato bizzarro. Il percorso ti porta attraverso tutte le parti migliori dei film, quindi è stato un tuffo nella memoria per me, davvero magnifico. (Emma)

Emma, come descriveresti Daniel e Rupert quando li hai incontrati la prima volta e adesso che la saga è finita?
E’ divertente. E’ cominciato con me e Dan che facevamo i timidi e Rupert era il chicchierone, poi la situazione è cambiata . Rupert parlava a malapena. Eri fortunato se riuscivi a cavargli qualcosa in questi giorni, mentre io e Dan non facevamo a meno di parlare. Dan è intelligente e molto dolce, Rupert ha un buon senso dell’ umorismo ed è davvero eccentrico, unico nel suo genere nel modo in cui fa le cose. Gli piace essere un bambinone. Sento che non crescerà mai e questo lo adoro. (Emma)

Avete mai avuto dei giovani Fan che pensavano conosceste davvero la magia?
Si, c’erano dei bambini che avevano paura di me perchè penso che si aspettassero che facessi qualcosa,davvero carino, adorabile. È molto molto triste quando i bambini perdono la loro immaginazione. (Emma)

Usciresti mai con una fan di Harry Potter ?
Non ho mai rifiutato un invito perche lei era un fan di Harry Potter. Sarebbe egocentrismo all’ennesima potenza. Ma si, assolutamente, se la persona in questione vedesse in me qualcosa di diverso da Harry Potter, non vedo perchè non dovrebbe succedere, perchè la verità è che molte persone sono fan di Harry Potter. E’ difficile evitarlo. Alcune ragazze con cui sono uscito in passato apprezzavano i film e i libri, ma di certo non era il fulcro della relazione. (Daniel)

Se J.K. Rowling vi chiamasse domani e vi dicesse, “Sto scrivendo un altro libro. Ho deciso di non mettere la parola fine e scrivere altri Harry Potter, vorresti essere la star nel prossimo film?”
Oh Santo Cielo. No, non vorrei. Mi sento abbastanza completa rispetto a quello che ho fatto. Sarebbe solo strano. No. No in nessun modo. Sarebbe troppo strano. (Emma)
No, probabilmente sarebbe la mia risposta, 10 anni sono sufficienti. Penso che i film abbiano raggiunto un equilibrio perfetto e una bella conclusione, e ho avuto la certezza che J.K. Rowling non farebbe mai una cosa del genere. (Daniel)

Traduzione a cura di Jack di Spade e di Morgana.

Fonte The Stacks

Ti potrebbe interessare anche...

J.K. Rowling: “C’è una scintilla di bontà in Draco Malfoy”

Come era stato preannunciato, la Rowling ci ha fatto un altro regalo di Natale, pubblicando su Pottermore un lungo testo dedicato a Draco Malfoy, corredato da alcuni suoi pensieri a riguardo. Il testo è molto interessante, perché raccontandoci tutta la storia di Draco, scopriamo ancora una volta quanto la Rowling abbiamo definito fin dei minimi particolari i risvolti caratteriali dei suoi personaggi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  1. Che dire? Leggere quest’intervista mi ha fatto un certo effetto…davvero emozionante! Bellissima…e anche un pò triste, perchè ti fa davvero pensare che tutto è finito…che non li rivedremo più indossare i panni dei nostri eroi! Ma d’altronde non poteva durare all’infinito… 😉
    Notare poi, ancora una volta, che Daniel, Emma e Rupert non sono altro che dei ragazzi come noi, nonostante tutto il successo che hanno avuto sin da bambini! Da fan di HP, ma anche dei tre attori, provo ammirazione nei loro confronti…per la loro semplicità, umiltà ma anche perchè sono rimasti loro stessi durante tutti questi anni e non si sono lasciati trasportare dal successo.
    Infine non posso fare a meno di condividere l’ultima parte dell’intervista. Insomma 10 anni, sono sempre 10 anni…non credo che accetterebbero ancora una volta di interpretare i nostri maghi! Come non credo che la Rowling scriverà un sequel…Harry è finito qui. E va bene così perchè è perfetto!

  2. Davvero molto interessante…
    P. S: harry picchiato da voldy? Non vedo l’ora di vederlo anche se è difficile che voldy avrebbe mai fatto una cosa del genere… non si sarebbe mai ” abbassato” al livello dei babbani….

  3. che intervista emozionante!! mancano 21 giorni all’ uscita del film e quel giorno sarò emozionatissima… ovviemente gli attori sono forse un po stufi di recitare sempre lo stesso personaggio e forse possiamo capirli ma da fan penso che quando tutto sara davvero finito ne sentirò la mancanza… bhè harry è comunque perfetto anche se si ferma a sette perchè j.k. rowling non l’ho vista molto disponibile x scrivere un altro HP… tornando all’ intervista penso che loro saranno insieme per sempre comunque perchè passare 10 con le stesse persone si crei un legame che il tempo non romperà di certo!!! 😉

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.