GiratempoWeb Community

Parla, condividi la tua passione e connettiti con
una grande community potteriana.

  • Just Like Heaven

    Posted by Anonymous on Marzo 29, 2010 at 7:46 pm

    Ecco la mia one shot ripostata con un paio di sorpresine per tutti voi.   🙂 🙂 buona lettura commentateeee!!

    3jlh.png
    Just like Heaven – Proprio come il Paradiso

    Dicono che i sogni siano la proiezione di ciò che desideriamo più di ogni altra cosa, ma QUEL sogno sotto ogni aspetto era qualcosa di più, qualcosa di diverso. Qualcosa che lei non riuscì a capire. Ricordava ogni particolare, ogni singolo istante di quella visione fantastica che aveva invaso la sua mente come un fiume in piena: ricordava la musica, quella bellissima e dolcissima melodia che risuonava come un coro perpetuo ancora nelle sue orecchie, stava ondeggiando sinuosamente, danzava seguendone le dolcissime note. Ricordava il giardino, gli alberi in fiore, il sole che scompariva oltre l’orizzonte,  che coi suoi raggi colorava d’oro tutto ciò che era intorno a lei. Ricordava che stava ballando, ma non era sola. Il calore di un abbraccio,un sussurro nell’orecchio. Lui era li. Lo sentiva vicino come se fosse reale, sentiva le sue braccia cingerla, in quella danza infinita. Gli passò una mano tra i folti capelli neri, sentendolo rabbrividire la fece scendere sulla sua schiena mentre con la testa gli si appoggiava sul petto. Era proprio come il paradiso…..

    *******

    Hermione si svegliò improvvisamente, qualcosa l’aveva richiamata dal torpore cui era abbandonata. Era la voce di qualcuno che la chiamava. Ginny, forse era già ora di alzarsi. Hermione si stiracchiò un po’, sbadigliando.
    -uhm…che ore sono Gin?- disse tirandosi su
    -Sono quasi le otto Herm, scendi a fare colazione dobbiamo essere in classe tra un’ora!- e in un battibaleno era già sparita nelle scale del dormitorio. Hermione si alzò finalmente dal letto e corse a farsi una doccia, ripensando al sogno dolcissimo dal quale era stata spinta via velocemente…. “troppo velocemente” si disse, avrebbe voluto restare in quella piccola parte della sua mente per il resto della sua vita se avesse potuto e non riusciva a spiegarselo. Non riusciva a capire nemmeno quella strana presenza accanto a lei, il ragazzo che ballava con lei stringendola come se si stessero dicendo addio. Lei sapeva chi era, ma non voleva accettarlo. Non POTEVA accettarlo! Come era possibile che di punto in bianco potesse esplodere in lei un sentimento cosi forte e cosi spaventoso? Era come se il suo cuore si fosse acceso di una nuova luce, la luce dell’amore, che fin ora era sempre stata spenta come una stella appena nata ansiosa di manifestare tutta la sua luce e il suo splendore. Però la parte razionale del suo cervello cosi maledettamente intelligente le diceva di lasciar stare, e di dimenticare quello che era successo. D’altronde niente era successo, era solo un sogno!
    La giovane strega decise che avrebbe saltato la colazione, più evitava di vederlo e meglio sarebbe stato per la sua salute mentale. Del resto era ovvio: Harry stava con Ginny, la amava e lei amava lui. Lei non poteva certo andare li e dirgli “sai Harry ti ho sognato e credo di provare qualcosa per te!”, sarebbe stato ridicolo e stupido. Harry era il suo migliore amico, e tale sarebbe rimasto per il bene di entrambi.
    -Hermione- Ron le mise una mano sulla spalla facendola voltare.
    -Ron, ciao…- disse sorridendogli
    -Ma che fine hai fatto? È tutto il giorno che non ti fai vedere- sembrava preoccupato
    -Ho avuto un po’ da fare sai com’è, i compiti e tutto il resto-
    -Herm…io ti conosco- disse ammiccando –che c’è che non va?-
    -Ecco Ron…sono solo preoccupata. Tutta la faccenda degli Hocrux mi ha scombussolato un po’. Harry continua a dire di voler andare da solo e ma io penso che sia una pessima idea capisci!- era una bugia improvvisata, ma c’era una piccola verità infondo. Hermione era seriamente preoccupata per la decisione di Harry di voler partire solo senza nessun altro. Ron prese un sospiro prima di parlare nuovamente.
    -Lo so, ma ne abbiamo già parlato lui non cambia idea. Partirà presto, forse è il caso che gli parli prima che vada via-
    -Forse….bè ora devo andare, ci vediamo dopo Ronald- gli diede un bacio sulla guancia e poi si diresse verso l’enorme lago ai piedi del castello.Mentre camminava i caldi raggi del sole le riscaldavano il viso e una lieve brezza le scompigliava i capelli. D’un tratto scorse due sagome intente a passaggiare mano nella mano a pochi metri dalle sponde del lago, non ci volle molto per riconoscerli. Erano Harry e Ginny, Hermione si nascose in fretta dietro un grande albero per evitare di farsi vedere. Non c’era dubbio, la sua sanità mentale stava vacillando e se non avesse trovato un rimedio avrebbe finito per crollare. Però non poteva, doveva superare quel supplizio. Doveva prendere quello che aveva dentro e nasconderlo in un angolino del suo cuore per sempre, o almeno finchè non fosse tutto finito.

    ******

    Erano passati quasi due mesi. In quel lungo lasso di tempo sembrava che Hermione avesse dimenticato tutto quello che era successo, anche se la sua amicizia con Harry sembrava essere meno approfondita di prima aveva ripreso a parlargli e a stargli vicino, cercando informazioni utili sulla sua prossima ricerca degli Hocrux. Non aveva più sognato nulla su di lui, e infondo era stato un bene, era stato molto più facile per tutti.
    Una sera si ritrovarono tutti in sala grande a festeggiare l’ultimo giorno prima delle vacanze di primavera, Fred e George stavano come al solito battibeccando con Ron a proposito di uno dei loro soliti scherzi ai danni del povero ragazzo, Luna era seduta accanto a  lui e non poteva fare a meno di ridere sorbendosi un sacco di occhiatacce da parte sua. I due neofidanzati erano troppo teneri agli occhi di Hermione e, a giudicare dall’occhiata eloquente che si scambiarono lei e Harry , non era l’unica a pensarlo.
    -Andiamo Ron!- disse Fred  -Ti basterà farti uno sciampo e vedrai che torneranno come nuovi-
    -ihihihi…- ridacchiò George –Ma perché non ti levi quel cappello Ronnie?- Ron si scansò tenendo con decisione il berretto in testa mentre il fratello tentava di levarglielo.
    -Devo ammetterlo….con quella tonalità sembri proprio Tonks!- aveva esclamato Harry davanti alle colorazioni violacee sulla testa di Ron, suscitando le risate fragorose di tutti. Ma la felicità come si suol dire dura poco, e infatti più tardi ci fu il triste annuncio: L’indomani mattina sarebbe dovuto partire.
    Hermione dovette trattenersi dal piangere, difatti aspettò che fossero tornati in camera prima di sfogarsi silenziosamente sotto le coperte del baldacchino di Grifondoro. Quella notte non chiuse occhio, e per la prima volta sopo settimane desiderò di fare ancora quel sogno che l’aveva perseguitata tanto nei mesi precedenti. All’alba scese in sala comune e si diresse fuori dal castello, bisognosa di distendere i nervi con una passeggiata. Mentre camminava il sole si levava colorando il cielo di rosso e oro, come i colori della sua casa. Il viottolo sul quale passeggiava era decorato da splendidi alberi in fiore, la loro fioriritura le provocò un moto di gioia. Le foglie sfavillavano sotto i raggi del sole: rosse, gialle,rosa, arancio. Era incredibile come la natura potesse creare delle cose così meravigliose, Hermione si fermò ad osservarli, respirando l’arietta primaverile che veniva da essi e perdendosi nei ricordi dei tanti anni passati. Poi senti una mano dolce posarsi sulla sua spalla che la riscosse dai suoi pensieri.
    -Harry!- esclamò sorpresa. Il ragazzo stava li davanti a lei sorridendole dolcemente, come lei, non portava la divisa. E i suoi occhiali rotondi riflettevano la luce come uno specchio.
    -Ciao Herm- disse tranquillo, continuava a sorriderle -…cosa fai alzata cosi presto?-
    -Potrei chiederti lo stesso Harry- disse lei alzando un sopracciglio. Lui rise
    -Ti ho visto dalla finestra mentre uscivi…e ti ho seguito-
    -Oh…capisco- sospirò la ragazza. –è bellissima vero?- continuò indicandogli l’alba sorgente a pochi passi da loro. Harry sorrise guardandola, i suoi occhi verdi sembravano brillare mentre si voltava e sorrideva ancora a lei, quello sguardo la trafisse tanto che dovette abbassare lo sguardo. Poi lo vide chinarsi a prendere qualcosa ai piedi di un grande albero per poi avvicinarsi a lei. Quasi trasalì sentendo la mano del ragazzo infilarsi tra i suoi capelli, quando la tolse si accorse che gli aveva infilato un piccolo fiore bianco tra i capelli. Sorrise sfiorandolo con le mani.
    -Ti sta bene- sussurrò.
    -Grazie- mormorò lei arrossendo. –Allora partirai oggi?- chiese con una nota di inevitabile malinconia.
    -Sì….e spero tanto di poter tornare presto Hermione- mormorò abbassando lo sguardo triste.Lei ci sperava mille volte più di lui: aveva bisogno che lui tornasse, anche se sarebbe tornato da un'altra, sarebbe tornato vivo. Rimasero in silenzio per qualche minuto finchè Harry non parlò di nuovo.
    -Ho lasciato Ginny- Hermione sussultò a quella frase.
    -C…Come? Perché l’hai fatto?- disse mettendogli una mano sul braccio guardandolo negli occhi.
    -Perché era giusto cosi…io non la amavo più da molto ormai. E non potevo lasciarla con un’illusione, ma sta bene credimi, le passerà- Hermione non poteva crederci. Ma non volle dire altro a riguardo, non avrebbe sprecato gli ultimi minuti con lui parlando di Ginny. Prima che se ne andasse doveva condividere qualcosa con lui, qualcosa che avrebbe ricordato se lui non fosse più tornato. Anche se non avrebbe mai trovato il coraggio di dirgli quanto lo amava. Perché lei lo amava, e lo avrebbe amato sempre.
    -Harry?-
    -Sì..Hermione-
    -Ti va….di ascoltare una canzone?-
    -Una canzone?- disse con occhi sospettosi.
    -Col mio Mp3, è la mia canzone preferita….. e prima che tu vada via, vorrei che la ascoltassi con me- Il ragazzo le sorrise dolcemente, carezzandole la guancia. Aveva capito che cosa voleva, e accennò un sì con la testa. La ragazza tirò fuori il suo piccolo aggeggio babbano, porgendo una cuffia a Harry e infilando l’altra nel suo orecchio. Poi iniziò la canzone.

    Show me how you do that trick
    The one that makes me scream he said
    The one that makes me laugh he said
    And threw his arms around my neck
    Show me how you do it
    And I promise you I promise that
    I'll run away with you
    I'll run away with you

    Spinning on that dizzy edge
    I kissed his face and kissed his head
    And dreamed of all the different ways I had
    To make him glow
    Why are you so far away? he said
    Why won't you ever know that I'm in love with you
    That I'm in love with you

    “Mostrami come fai quel trucco
    quello che mi fa gridare” disse lei
    “quello che mi fa ridere” disse lei
    E mi gettò le braccia al collo
    “Mostrami come fai
    E io ti prometto io prometto che
    Io fuggirò via con te
    Io fuggirò via con te”

    Costeggiando quel ciglio vertiginoso
    Io baciai il suo volto e baciai la sua testa
    E sognai tutti i possibili modi che avevo
    di farla scintillare
    “Perchè sei così lontano?” disse lei
    “Perchè non vuoi mai sapere che io sono innamorata di te
    che sono innamorata di te?”


    La strega lo vide sorridere mentre a occhi chiusi iniziava a dondolare sentendo quelle dolci note, anche lei sorrise chiudendo gli occhi. Li riaprì un attimo dopo quando sentì le braccia di lui serrarla e invitarla a ballare con lui. Lentamente appoggiò il capo sulla sua spalla richiudendo gli occhi e riaprendoli ogni tanto per vedere gli alberi che giravano intorno a loro mentre ballavano. Poi la rivide: la visione che per tanto tempo aveva popolato la sua mente …..la musica che risuonava nelle sue orecchie, il sole che si levava irradiando con la sua luce tutto ciò che toccava. Lui era li. Lo sentiva vicino, sentiva le sue braccia cingerla, in quella danza infinita. Gli passò una mano tra i folti capelli neri, sentendolo rabbrividire la fece scendere sulla sua schiena mentre con la testa gli si appoggiava sul petto ascoltando il battito del suo cuore. Rideva…
    -Perché ridi?- chiese lui. Lei scosse la testa riappoggiandola sulla sua spalla.
    -È come un sogno che ho fatto…- disse. Lui non volle dirle altro, voleva solo godersi quel momento, voleva che non finisse mai. Continuò a stringerla a se mentre tutto intorno a loro era pervaso da un’insolita armonia, tutto era in pace,  tutto era armonia: solo lui, lei e il loro piccolo mondo.

    You, soft and only
    You,lost and lonely
    You, strange as angels
    Dancing in the deepest oceans
    Twisting in the water
    You're just like a dream
    You're just like a dream

    Daylight licked me into shape
    I must have been asleep for days
    And moving lips to breathe his name
    I opened up my eyes
    And found myself alone alone
    Alone above a raging sea
    That stole the only boy I loved
    And drowned him deep inside of me

    You, soft and only
    You, lost and lonely
    You, just like heaven

    You, soft and only
    You, lost and lonely
    You, just like heaven

    Tu, Tenera e unica
    Tu , smarrita e sola
    Tu , sconosciuta come gli angeli
    Ballando negli oceani più profondi
    Volteggiando nell'acqua
    Tu sei proprio come un sogno
    Tu sei proprio come un sogno

    La luce del giorno sbatteva su di me
    Dovevo essere rimasto addormentato per giorni
    E schiudendo le labbra per sussurrare il suo nome
    Ho aperto i miei occhi
    E mi sono trovato completamente solo
    Solo sopra un mare agitato
    Che mi aveva portato via l'unica ragazza che amavo
    E l'aveva sommersa profondamente dentro di me

    Tu, Tenera e unica
    Tu , smarrita e sola
    Tu, proprio come il paradiso

    È come il paradiso- disse dopo qualche attimo, appoggiando la testa sulla sua.
    -Sì…-  mormorò lei  –….è proprio come il paradiso- mentre fissava quei magnifici occhi verdi. Poi lui fece un gesto inaspettato: Le poggiò un dolcissimo bacio sulla fronte mentre infilava la mano nella sua.
    Non avevano bisogno di parole, indirettamente si erano detti tutto quello che dovevano dirsi. Hermione sapeva che avrebbe ricordato quel momento per il resto della sua vita, ogni volta che avesse visto degli alberi in fiore, o ascoltato quella canzone,o guardato un alba sorgente lei avrebbe ricordato che era come il paradiso.


    You, soft and only
    You, lost and lonely
    You, just like heaven

    Tu, Tenera e unica
    Tu , smarrita e sola
    Tu, proprio come il paradiso


    Per tutti gli auror che sono e che saranno
    Argentlam91
    Anonymous ha risposto 12 anni, 8 mesi fa 0 Mago · 0 Risposte
  • 0 Risposte

Ancora nessuna risposta. Inizi tu?

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.