Il settimo libro di Harry Potter doveva intitolarsi “I Doni di Hogwarts”

La direttrice del popolare sito web inglese The Leaky Cauldron, Melissa Anelli, ha aggiornato il sito web dedicato al suo nuovo libro Harry, A History con un nuovo estratto dall’intervista fatta all’autrice J.K. Rowling prima della pubblicazione del libro. In questa occasione, l’autrice ha rivelato che per molto tempo il titolo che aveva programmato per il settimo libro della saga era Harry Potter e i Doni di Hogwarts (o letteralmente Harry Potter e le Reliquie di Hogwarts); senza dubbio, con il passare del tempo si rese conto che non sarebbe stato un titolo adeguato in linea all’argomento della trama.

In un punto dell’intervista, Melissa e la Rowling hanno parlato di Seabottom, una compagnia fittizia che registrò diversi titoli relazionati ad Harry Potter (come i famosi Harry Potter e la Torcia dalla Fiamma Verde e Harry Potter e la Rivolta dei Babbani), che provocarono una grande onda di confusione e disorientamento tra i fan che non sapevano più a chi credere e cosa credere. L’autrice ha confermato che dietro a questa compagnia fittizia si celava la Warner Bros. che sotto la sua autorizzazione ha registrato diversi marchi di Harry Potter:

Site stati voi a creare questa compagnia chiamata Seabottom?
JKR:
Dovevamo trovare un modo di creare un po’ di confusione ed ha funzionato. Credo che non ci sia mai stata una compagnia del genere, solamente parecchie liste di possibili titoli registrati.

Quindi tutto questo era per confondere la situazione?
JKR:
Si. Dato che sapevamo che presto avremmo rivelato il titolo reale sul mio sitoweb, volevamo creare un po’ di confusione qualche ora prima di annunciarlo.

Uno di questi era I Doni di Hogwarts…
JKR:
Si, avevo inviato una lista di titoli possibili, incluso il titolo reale. Per anni, I Doni di Hogwarts è stato il titolo del settimo libro, ma poi avevo capito che non poteva funzionare.

Perchè non tutti i Doni sono ad Hogwarts…
JKR:
Esatto. Era del tutto diverso, così alla fine mi sono decisa per I Doni della Morte. Mi piaceva questo titolo.

Ricordiamo che nel 2006 il titolo Harry Potter and the Deathly Hallows apparve per la prima volta negli archivi dei marchi registrati del Regno Unito, sotto la proprietà dell’ormai famosa compagnia Seabottom. Il 21 Dicembre 2006, J.K. Rowling annunciava sul suo sito web il titolo reale del settimo libro di Harry Potter.

[ad]

Ti potrebbe interessare anche...

J.K. Rowling: “C’è una scintilla di bontà in Draco Malfoy”

Come era stato preannunciato, la Rowling ci ha fatto un altro regalo di Natale, pubblicando su Pottermore un lungo testo dedicato a Draco Malfoy, corredato da alcuni suoi pensieri a riguardo. Il testo è molto interessante, perché raccontandoci tutta la storia di Draco, scopriamo ancora una volta quanto la Rowling abbiamo definito fin dei minimi particolari i risvolti caratteriali dei suoi personaggi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  1. già….in effetti i doni di Hogwarts nn avrebbe funzionato molto…I doni della morte è mitico!!!!!!!!!!!!!!!!!!! W Harry Potter!!!!!!!!!!!

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.