J.K. Rowling pubblica un nuovo racconto inedito su Harry Potter

Rubrica di Gossip di Rita Skeeter

Rita SkeeterJKRowling torna a scrivere su Harry Potter, e lo fa attraverso la penna dell’esperta di pettegolezzi della Gazzetta del Profeta, Rita Skeeter.
Nella storia, cronologicamente contemporanea all’epilogo del settimo e ultimo libro della Saga Harry Potter e i doni della morte, Harry è ormai cresciuto: il signor Potter ha quasi 34 anni, e sta guardando la finale della Coppa del Mondo di Quiddich con la sua famiglia e gli amici di sempre Ron e Hermione. Anche i capelli, che una volta erano scuri e sempre spettinati, ora sono a tratti argentati per l’età che avanza. Addirittura un’altra cicatrice compare sul volto, questa volta non sulla fronte bensì sullo zigomo, segno della battaglia “top secret” che come Auror sta combattendo per il Ministero della Magia.

Volete scoprire ciò che riguarda Ron Weasley, Viktor Krum, Hermione Granger, George e Charlie Weasley, e altri personaggi che abbiamo incontrato durante la saga?
Di qui seguito potete leggere il testo integrale. Buona lettura!

Ci sono VIP e VIP. Ne abbiamo viste di facce famose sugli spalti qui nel deserto della Patagonia: ministri e presidenti, Celestina Warbeck, perfino la controversa band americana Boccini Schiantati. Ogni volta si è scatenata la follia, mentre il pubblico faceva a gara per ricevere un autografo e qualcuno arrivava addirittura a lanciare Incantesimi Gettaponte per scavalcare tutti e raggiungere la tribuna VIP.

Ma quando tra campeggio e stadio si è cominciato a bisbigliare che in occasione della finale era arrivata la famigerata banda di maghi (non più gli sbarbatelli dei tempi d’oro, certo, ma comunque riconoscibili), l’eccitazione ha raggiunto il culmine. La folla si è data a una corsa disordinata, demolendo tende e travolgendo diversi bambini. Fan di ogni angolo del pianeta sono accorsi verso l’area in cui i membri dell’Esercito di Silente erano stati avvistati, spinti dal desiderio di intravedere l’uomo che chiamano ancora il Prescelto.

I Potter e il resto dell’Esercito di Silente sono stati sistemati nella sezione VIP del campeggio, che è protetta da numerosi incantesimi e pattugliata da Stregoni di sicurezza. Grazie a loro, una moltitudine di persone circonda l’area recintata, nella speranza di scorgere i propri eroi. Alle 15 di oggi il loro desiderio si è avverato, quando Potter, tra le urla della folla, ha portato i figli James e Albus nell’area giocatori per presentarli al Cercatore bulgaro Viktor Krum.

A quasi 34 anni, il famoso Auror ha già un paio di fili argentati tra i capelli corvini, ma continua a indossare i famosi occhiali a lente rotonda che secondo molti sono più adatti a un dodicenne malvestito. La famosa cicatrice a forma di saetta è in buona compagnia: sullo zigomo destro risalta infatti un brutto taglio. Il Ministero della Magia si è limitato a rispondere alle mie domande sulla sua origine con il solito commento: “Non rilasciamo dichiarazioni sul lavoro top secret degli Auror, come le abbiamo già ricordato almeno 514 volte, signora Skeeter”. Cosa ci stanno nascondendo? Che il Prescelto sia coinvolto in un nuovo mistero che un giorno ci esploderà in mano, facendoci piombare in un’altra era di terrore e caos?

O è forse possibile che la ferita sia di origini più umili che Potter vuole disperatamente nascondere? Che sia stato attaccato dalla consorte? Forse questa unione che i due insistono col presentare come esempio di felicità comincia a dare segni di crisi? Come mai sua moglie Ginevra non ha esitato ad abbandonare marito e figli a Londra per andare a fare la corrispondente alla Coppa del Mondo di Quidditch? Che la signora Potter abbia davvero il talento e l’esperienza per un compito di tale prestigio è ancora tutto da vedere (o meglio, l’abbiamo visto: la risposta è no!) ma diciamola tutta, quando hai un cognome così, tutte le porte si aprono, gli enti sportivi internazionali si inchinano, e i caporedattori della Gazzetta del Profeta ti affidano incarichi davvero succosi.

Come ben sapranno fan e seguaci più devoti, Potter affrontò Krum al controverso Torneo Tremaghi, ma pare che fra i due rivali non ci sia alcuna ruggine, visto che si sono abbracciati nell’incontrarsi. (Ma cosa successe davvero nel labirinto? E’ improbabile che la gente smetta di fare congetture, nonostante la cordialità mostrata dai due.) Dopo una chiacchierata di mezz’ora, Potter e figli sono tornati al campeggio, dove hanno socializzato col resto dell’Esercito di Silente fino a notte fonda.

Nella tenda di fianco alloggiano i colleghi più intimi di Potter, quelli che conoscono tutti i suoi segreti ma che si sono sempre rifiutati di parlarne alla stampa. Che lo temano? O hanno forse paura che siano i loro segreti a trapelare, macchiando la leggenda della sconfitta di Colui-Che-Non-Doveva-Essere-Nominato? Ronald Weasley e Hermione Granger, diventati nel frattempo marito e moglie, hanno accompagnato Potter in quasi tutte le sue avventure. Come il resto dell’Esercito di Silente, hanno combattuto nella Battaglia di Hogwarts e si meritano di sicuro tutto il plauso datogli da un mondo magico davvero grato.

In seguito alla battaglia, Weasley, i cui famosi capelli rossi mostrano segni di calvizie incipiente, è stato assunto dal Ministero della Magia insieme a Potter, ma se ne è andato dopo soli due anni per cogestire il famosissimo negozio di scherzi Tiri Vispi Weasley. Era davvero, come dichiarò all’epoca, “felicissimo” di poter aiutare suo fratello George con questa ditta che ha “sempre amato”? O si era forse stancato di vivere all’ombra di Potter? Che il lavoro di Auror fosse troppo duro per un uomo che ha “davvero risentito” dell’impresa di distruzione degli Horcrux? Da lontano, Weasley non mostra segni palesi di instabilità mentale, ma non ci è permesso avvicinarci abbastanza da poter fare una perizia approfondita. Che conclusioni dobbiamo trarne?

Hermione Granger, si sa, è sempre stata la femme fatale del gruppo. Gli articoli dell’epoca raccontano che da adolescente flirtò crudelmente col giovane Potter prima di essere sedotta dai muscoli di Viktor Krum, per poi accontentarsi del fedele braccio destro di Harry. Dopo una fulminante ascesa a Vicedirettore dell’Ufficio Applicazione della Legge sulla Magia, pare che sia destinata a salire ancora più in alto, ed è perfino madre di due figli, Hugo e Rose. Che Hermione Granger sia la prova vivente che si può davvero avere tutto? (No: basta guardarle i capelli).

Poi ci sono i membri dell’Esercito di Silente che hanno ricevuto meno pubblicità rispetto a Potter, Weasley e Granger. (Che serbino rancore? E’ quasi certo.) Neville Paciock, rispettato insegnante di Erbologia alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, è qui in Patagonia con la moglie Hannah. I due hanno vissuto fino a poca fa sopra al Paiolo Magico a Londra, ma pare che Hannah si sia non solo riqualificata come Guaritrice, ma che voglia pure candidarsi alla carica di responsabile dell’infermeria di Hogwarts. Secondo le malelingue, la coppia è un po’ troppo affezionata al Whisky Incendiario Ogden Stravecchio per fare da guardiani ai nostri figli, ma ovviamente le facciamo i migliori auguri per la sua candidatura.

E per finire con l’Esercito di Silente, non può mancare l’indimenticabile Luna Lovegood (sposata con Rolf Scamandro, il nipote moro del celebre magizoologo Newt). Luna, squisitamente eccentrica come sempre, si aggira per l’area VIP con abiti composti dalle bandiere di tutte e sedici le squadre qualificate. I suoi due gemellini sono rimasti “a casa col nonno”. Che sia un modo carino per dire che sono troppo disturbati per apparire in pubblico? Solo una persona estremamente sgarbata potrebbe insinuare una cosa simile!

Al torneo presenziano anche altri membri dell’Esercito, ma è su questi sei che sono puntati tutti i riflettori. Quando spunta una testa rossa si può; trarre la conclusione ben fondata che si tratti di un Weasley, ma è difficile distinguere George (il ricco cogestore di Tiri Vispi Weasley) da Charlie (domatore di draghi e tuttora scapolo: perchè) o Percy (Direttore dell’Ufficio del Trasporto Magico: è colpa sua se la Metropolvere è tutta intasata!). L’unico che si riconosce facilmente è il povero Bill che, nonostante le orrende cicatrici rimediate quando si è imbattuto in un lupo mannaro, è comunque riuscito (con un incantesimo? un filtro d’amore? dietro minacce? sequestro?) a sposare Fleur Delacour, oca giuliva ma indubbiamente bellissima.

Pare che vedremo questi e altri membri dell’Esercito di Silente nella tribuna VIP durante la finale, che grazie a loro sarà ancora più sfarzosa e appariscente. Speriamo che il comportamento di due dei loro marmocchi non li metta in imbarazzo, insozzando il nome di personaggi così onorevoli.

Eì sempre brutto dover invadere la privacy dei giovani, ma chiunque sia vicino a Harry Potter ne raccoglie i benefici e deve quindi pagarne il prezzo soddisfacendo la sete del pubblico. Potter sarà di sicuro addolorato di sapere che il figlioccio sedicenne, Teddy Lupin (un mezzo lupo mannaro allampanato e dalle chiome azzurrine) si sta comportando in un modo che poco si confà a un membro di questa importante famiglia da quando è arrivato al campeggio dei VIP. Che l’impegnatissimo Potter tenga sotto controllo questo ragazzaccio che gli è stato affidato dai genitori in punto di morte è forse chiedere troppo, ma è difficile non rabbrividire al pensiero di cosa sarà del signorino Lupin senza un intervento urgente. Nel frattempo, il signor Bill Weasley e consorte saranno grati di essere informati che la loro bellissima figlia Victoire sembra gravitare intorno a tutti gli angoli bui in cui si nasconde il signorino Lupin. La buona notizia è che la coppietta sembra aver scoperto un modo per respirare con le orecchie. Non vedo come altro siano riusciti a sopravvivere a tali maratone di quello che ai miei tempi veniva chiamato “pomiciamento”.

Ma non siamo troppo severi; Harry Potter e i suoi accoliti non hanno mai sostenuto di essere perfetti! E se volete sapere tutto delle loro imperfezioni, la mia nuova biografia intitolata L’Esercito di Silente: Il lato oscuro della rivolta, sarà disponibile alla libreria Il Ghirigoro a partire dal 31 luglio.

Fonte: Pottermore
© J.K. Rowling, Pottermore.

Ti potrebbe interessare anche...

J.K. Rowling: “C’è una scintilla di bontà in Draco Malfoy”

Come era stato preannunciato, la Rowling ci ha fatto un altro regalo di Natale, pubblicando su Pottermore un lungo testo dedicato a Draco Malfoy, corredato da alcuni suoi pensieri a riguardo. Il testo è molto interessante, perché raccontandoci tutta la storia di Draco, scopriamo ancora una volta quanto la Rowling abbiamo definito fin dei minimi particolari i risvolti caratteriali dei suoi personaggi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.