Addio a Sir John Hurt, l’indimenticabile Olivander

La conferma arriva dal suo agente: all’età di 77 anni si spegne uno degli attori più carismatici degli ultimi tempi, il grande John Hurt.

L’attore, a cui era stato diagnosticato il cancro al pancreas, aveva però rassicurato tutti dicendo che la terapia aveva funzionato e che la strada al pieno recupero era tutta in discesa.
Le circostanze della sua morte, tuttavia, non sono state chiarite.

Sir John Hurt, Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico e Cavaliere Bachelor, è stato uno dei più acclamati attori di sempre, sia al cinema che a teatro, e vanta quattro vittorie ai BAFTA e due nomination agli OSCAR. Celebri sono le sue interpretazioni in Fuga di Mezzanotte, Alien, Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo, così come in V per Vendetta, Oxford Murders, La Talpa e The Elephant Man, e la sua comparsa in Doctor Who e in Merlin.

Ai potteriani però resterà nel cuore per aver dato il volto al misterioso Garrick Olivander, il fabbricante di bacchette dallo sguardo penetrante.

Curiosamente, si tratta dell’attore che ha interpretato più “morti” in assoluto: se ne contano più di 40. “Credo di aver ottenuto un record”, aveva detto una volta. “Ero arrivato al punto che i miei figli non mi chiedevano più se sarei morto, piuttosto ‘come morirai stavolta?’ “.

Alla famiglia e ai suoi cari vanno tutto il nostro cordoglio.

Ti potrebbe interessare anche...

J.K. Rowling: “C’è una scintilla di bontà in Draco Malfoy”

Come era stato preannunciato, la Rowling ci ha fatto un altro regalo di Natale, pubblicando su Pottermore un lungo testo dedicato a Draco Malfoy, corredato da alcuni suoi pensieri a riguardo. Il testo è molto interessante, perché raccontandoci tutta la storia di Draco, scopriamo ancora una volta quanto la Rowling abbiamo definito fin dei minimi particolari i risvolti caratteriali dei suoi personaggi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Quando ho saputo del cancro al pancreas che gli era stato diagnosticato, ho sperato come non mai che ne uscisse vincitore e allo stesso tempo mi dicevo che una persona potente e forte come John Hurt non poteva fallire.

    E’ devastante venire a sapere della sua morte. Un dispiacere immenso.
    Ma voglio pensare che ora stia camminando anche lui in una King’s Cross piena di luce. Magari, in questo momento sta facendo due passi con Alan Rickman o con Richard Harris…

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.