Rupert Grint e l’evoluzione di Ron Weasley nei film

E’ stata appena pubblicata da Wizard Universe la terza parte dell’intervista condotta al Trio (Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint). In particolare, possiamo dare un’occhiata alle risposte concesse dall’attore Rupert Grint (Ron Weasley) che ha discusso del sesto adattamento cinematografico del maghetto, Harry Potter e il Principe Mezzosangue, e dello sviluppo, anche caratteriale, del suo personaggio nel corso dei sei film. Vi riportiamo un estratto dell’interessante intervista.

In che modo il personaggio di Ron si è sviluppato lungo tutta l’avventura?

Ron è cambiato. Nei primi tre film sembra davvero un’altra persona, ed è cresciuto in ogni trasposizione cinematografica. Tutto ciò può essere notato chiaramente in Harry Potter e il Principe Mezzosangue, perchè il mondo magico è diventato un luogo pericoloso. E lo vediamo proteggere sua sorella, e tutte quelle cose fraterne saranno presenti nel sesto film.

Potete continuare a dara un’occhiata all’intervista, continuando a leggere l’articolo.

Ron riceve molte attenzioni da parte delle ragazze. Nelle precedenti interviste, hai dichiarato che le riprese di alcune scene romantiche ti hanno messo a disagio. Queste scene saranno presenti sul grande schermo?

Sono delle ottime scene, perchè ho un buon rapporto con Jessie [Cave, interprete di Lavanda Brown, ndr.]. E’ stato davvero tutto molto intenso e divertente. Anche se è stato difficile procedere con queste riprese, perchè avevo incontrato la ragazza soltanto due giorni prima di metterci a lavoro, ed una delle prime scene filmate è stata proprio quella del bacio.

Durante le riprese, quali sono stati i momenti più strani e divertenti, che non dimenticherai mai?

Il momento in cui hanno dovuto prendere le forme delle mie natiche. Tutto ciò per costruire una piccola sedia da porre sulla scopa e per renderla più confortevole. Io indossavo dei pantaloni molto stretti, e mi hanno fatto sedere su questa sedia per prendere anche l’esatta forma della mia schiena. Dopo il lavoro, la sedia è diventata molto più comoda.

C’è anche la scena in cui Casa Weasley viene incendiata. E’ stato molto divertente. Stavamo proprio in piedi vicino alla Casa in fiamme, ed è stato anche abbastanza pauroso.

[ad]

Ti potrebbe interessare anche...

J.K. Rowling: “C’è una scintilla di bontà in Draco Malfoy”

Come era stato preannunciato, la Rowling ci ha fatto un altro regalo di Natale, pubblicando su Pottermore un lungo testo dedicato a Draco Malfoy, corredato da alcuni suoi pensieri a riguardo. Il testo è molto interessante, perché raccontandoci tutta la storia di Draco, scopriamo ancora una volta quanto la Rowling abbiamo definito fin dei minimi particolari i risvolti caratteriali dei suoi personaggi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Dai, non accaniamoci contro gli attori secondari solo perché noi vorremo quasi che la storia di Harry sia vera… 🙂 Povera jessie…!
    lo so che noi preferiamo Emmina… 😛 a limite ‘Lavanda, non ti sopporto!’, che é tutta un’altra cosa! 🙂

Ti sei perso?

Forse ti occorre una mappa!



Giuro solennemente di non avere buone intenzioni!
Accedi o registrati per visualizzare la Mappa del Malandrino.